MAPPA STRATEGICA DELLA TUTELA

COLLETTIVA E INDIVIDUALE DELLA CGIL EMILIA ROMAGNA

La mappa strategica organizza le priorità della CGIL Emilia Romagna in due grandi aree – il lavoro e i diritti  – ed esplicita per ciascuna di esse i temi chiave che guidano l’azione sindacale in termini di tutela collettiva e tutela individuale. Per ciascun tema si rendicontano obiettivi, azioni e principali risultati ed effetti raggiunti.

DIFESA DEI POSTI DI LAVORO

Lotta all’illegalità

Innovazione del modello di sviluppo

Ricostruzione post terremoto

LAVORO

La globalizzazione dei mercati e una finanziarizzazione dell’economia senza regole hanno provocato la pesante crisi del 2008 seguita, per effetto di scelte attuate a livello europeo e nazionale, da una lunga fase di stagnazione che ha prodotto conseguenze devastanti sulle fasce più deboli della popolazione, ampliando l’area di povertà che ormai coinvolge anche chi vive di reddito da lavoro dipendente.

In questa situazione la Cgil ha condotto una difficile battaglia difensiva per contrastare i licenziamenti e salvaguardare diritti e dignità nel lavoro.

Ha proposto un Piano per il lavoro che, intervenendo sui ritardi del Paese e sulle sue fragilità – anche ambientali – è volto ad assicurare alle nuove generazioni una prospettiva migliore. In Emilia Romagna questa scelta si è tradotta nel Patto regionale per il lavoro.

DIRITTI

La Cgil si definisce “sindacato dei diritti e della solidarietà” perché ritiene che senza diritti le persone regrediscano a una condizione di sostanziale servitù, e che la democrazia e gli stessi diritti politici siano svuotati, se non negati.

Il primo dei diritti è quello alla pace, senza la quale anche la libertà e la democrazia sono impedite. Libertà e democrazia non sono entità astratte, sono concrete dimostrazioni dell’esistenza di diritti nella società e nei rapporti di lavoro. Diritti collettivi e diritti individuali.

PACE

DEMOCRAZIA

Diritti per il lavoro

DI GENERE

CITTADINANZA

TUTELE

CAF

INCA

Ufficio Vertenze Legali