Persone e Lavoro

Occupazione

Gli Obiettivi

La piena e buona occupazione, rafforzando i diritti e sostenendo le aspirazioni delle persone

Gli Impegni

  • Coniugare politiche industriali e politiche del lavoro
  • Istituire l’Agenzia Regionale per il Lavoro, con la riforma dei Centri per l’impiego
  • Incentivare e qualificare l’occupazione femminile, contrastando le differenze contributive tra donne e uomini.

A 30 MESI DALLA FIRMA (dicembre 2017)

I principali risultati ottenuti

1. Riportare l’Emilia Romagna alla piena e buona occupazione, coniugando politiche industriali e politiche del lavoro

Come dimostrano i dati ISTAT gli occupati sono in lieve aumento, crescono però anche gli inattivi. Un’inversione di tendenza si profila invece nel numero di disoccupati del 2017 che, sia pure doppio rispetto al dato pre-crisi, è inferiore di 8.942 unità a quello del 2016. E’ necessario però segnalare che, venuti meno gli sgravi fiscali e contributivi, aumentano soprattutto le tipologie di lavoro precario. Cresce la parte più debole del mercato del lavoro, tempo determinato, part-time involontario, uso distorto dei tirocini, lavoro subordinato di bassa qualità

2008 2016 2017
Occupati 1.949.669 1.967.141 1.973.043
Disoccupati 64.145 146.769 137.827
Inattivi 1.649.556 1.708.961 1.714.671
2. Istituire l’Agenzia Regionale per il Lavoro, con la riforma dei Centri per l’Impiego
  • Istituita, a luglio 2015, l’Agenzia Regionale per il Lavoro.
  • Avviata l’implementazione dell’operatività dei Centri per l’impiego.
3. Incentivare e qualificare l’occupazione femminile, contrastando le differenze contributive tra donne e uomini

Siglati vari accordi (sindacali e istituzionali) per il contrasto alle discriminazioni di genere.